Polis della Magna Graecia

    Il mondo greco è stato uno dei poli culturali dell'antichità e nelle vicinanze di Pompei si trovano due tra le città più importanti della Magna Graecia. Paestum con i suoi templi greci meglio conservati e Velia, ricca e prospera polis che ospitò una vivace vita culturale grazie alla scuola eleatica e a i suoi più importanti filosofi: Parmenide e Zenone.

    Gli Etruschi

    Non è noto ai più che la frontiera meridionale del mondo etrusco al suo apogeo è stata situata nella provincia di Salerno e più precisamente nel quartiere Fratte di Salerno (a circa 35 km da Pompei) e presso la cittadina di Pontecagnano (a circa 46 km da Pompei). Entrambe le località sono raggiungibili comodamente in autostrada.

    I Romani

    La terribile eruzione del Vesuvio del 79 d.C. non ha seppellito solo Pompei. Un destino ugualmente terribile ha segnato buona parte del territorio di quella che gli antichi chiamavano Campania felix. Gli scavi di Ercolano ci regalano addirittura oggetti in materiale deperibile quale il legno conservatisi perfettamente sia pur carbonizzati. Gli scavi della città di Stabiae hanno finora portato alla luce tre ville. L'antica Oplontis (oggi Torre Annunziata) offre al visitatore una enorme e ricchissima villa (si ritiene appartenuta addirittura a Poppea, moglie di Nerone) . A Boscoreale è stata scoperta una antica villa rustica ovvero una casa colonica dedicata alla produzione agricola e nel vicino museo è possibile vedere gli attrezzi agricoli e oggetti di uso comune di duemila anni fa.
    Gli scavi dell'antica città romana di Volcei presentano la caratteristica di essere un parco archeologico urbano in quanto l'abitato medioevale del comune di Buccino si è sviluppato sopra l'antico tracciato di Volcei e quindi i resti romani sono incastonati negli edifici di epoca successiva.